La legislazione europea in materia di privacy e protezione dei dati personali richiede il tuo consenso per l'uso dei cookie. Maggiori informazioni.  Acconsenti?

il percorso video - la classe attiva 2

crup.gif

Area d’intervento n 2 - Prodotti video 

Nella seconda area d’intervento la sinergia posta in atto tra docenti e operatore video  ha consentito agli studenti di svolgere in collegamento con le attività formative curricolari,  laboratori video  per approfondire nel concreto alcuni temi di carattere trasversale collegati alla cittadinanza attiva.

Nella specie il tema trattato, particolarmente legato alle problematiche adolescenziali, è stato quello del bullismo, che si è inserito con modalità e valenza trasversale nell’ambito dell’insegnamento di “Cittadinanza e Costituzione”, con l’obiettivo più ampio di favorire la formazione della coscienza civile e del senso di responsabilità individuale nell’area dei diritti umani.  

Il percorso di crescita e di consapevolezza contro le varie forme di bullismo che spesso si diffondono anche nel contesto scolastico ha coinvolto una classe particolarmente problematica in un’attività di riflessione e di confronto ed è culminato  nella produzione di  un interessante audio – video con cui gli studenti hanno partecipato al concorso nazionale “Quel fresco profumo di libertà”.

Contenuti del prodotto audio -video

Il video prodotto, denominato "Le Verità Sospese",  denuncia la condizione di disagio in cui si trovano molti ragazzi dei nostri giorni e fa un interessante parallelismo tra bullismo e mafia.

Molte volte a scuola la sopraffazione dei più forti sui più deboli favorisce, infatti, un clima di paura, omertà e silenzio che troviamo come costante del fenomeno mafioso.

Il bullismo si può considerare, a tutti gli effetti, la Mafia che va a scuola!

Ecco allora che, come emerge dal video,  scaturisce dagli stessi studenti il desiderio, la volontà di prendere coscienza, di aprire gli occhi e la bocca per ribellarsi e dire: "Io non ci sto!".

Si deve dire basta all’indifferenza, alle troppe verità “sospese” dei delitti di mafia, perché la denuncia e l’impegno, anche in prima persona, prevalgano su ogni forma di prevaricazione e di illecito abuso.

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter