La legislazione europea in materia di privacy e protezione dei dati personali richiede il tuo consenso per l'uso dei cookie. Maggiori informazioni.  Acconsenti?

INAUGURAZIONE DEL LABORATORIO FOTOGRAFICO DIGITALE MOBILE

Sabato 12 ottobre alle ore 11.00 verrà inaugurato il nuovo Laboratorio Fotografico Digitale Mobile

L’Istituto Tecnico Marinoni ha realizzato con il contributo della Fondazione Friuli il Progetto LABORATORIO FOTOGRAFICO DIGITALE MOBILE, presentato per il Bando Istruzione 2018. Si tratta di uno spazio laboratoriale mobile per le classi dell’indirizzo di Grafica e Comunicazione, che nei sei anni dal suo avvio sta registrando un vero e proprio boom di iscrizioni. Tale laboratorio sarà in grado di trasformare una normale aula didattica in un ambiente di apprendimento innovativo che potrà fungere, a seconda delle esigenze, da laboratorio di posa (luci, fondali, …), spazio di elaborazione e postproduzione fotografica (computer e stampanti) oppure trasformare il territorio in laboratorio, grazie agli strumenti digitali mobili (computer portatili, macchine fotografiche, microfoni, …). “Il progetto – afferma il Dirigente Scolastico, Prof.ssa Laura Decio – intende favorire una didattica innovativa attraverso l’attuazione di un processo di apprendimento attivo che permetta l’acquisizione e lo sviluppo di alcune delle competenze professionali di riferimento, al fine del successo formativo dei nostri studenti e della costruzione di un curricolo in grado di rispondere alle mutevoli esigenze di mercato, caratterizzate dalla evoluzione digitale e dalla fluidità dell’organizzazione del lavoro.” “L’utilizzo degli strumenti portatili del laboratorio digitale mobile – prosegue il Dirigente - è finalizzato alla produzione di fotografie, di riprese e di registrazioni audio-video, alla verifica dei materiali prodotti favorendo un aumento della capacità critica e valutativa degli studenti; la rielaborazione in aula o in laboratorio, in sede scolastica o in altri spazi adibiti al lavoro, sviluppa, inoltre, la capacità organizzativa e di adattamento.”

Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to Twitter